Seleziona una pagina

Aspetti storici

Tessuti preziosi venivano sempre scambiati, usati come regali o come mezzo di pagamento. Già nei testi più antichi, nella scrittura cuneiforme ittita su tavolette di argilla, nei geroglifici egiziani, in greco e latino scolpiti nella pietra o su papiro: Ovunque troviamo termini per tessuti di tutti i tipi. Tuttavia, è spesso difficile assegnare questi termini in modo inequivocabile a un materiale specifico; spesso ciò è possibile solo nel contesto.

Dall’inizio della stampa di libri nel XV secolo, le fonti sono diventate più ampio. Nei dizionari e nelle enciclopedie, nelle liste di inventario e di regali, nelle liste di commercio, di merci e di dogana, nei cataloghi di vendita e d’asta, ci sono riferimenti all’uso di certi termini e denominazioni e ai loro cambiamenti di significato nel corso dei secoli – il bisso marino è uno di questi.

Die Oeconomische Encyclopädie di Johann Georg Künitz (1728-1796) è ancora considerata una fonte importante sull’economia e la tecnologia del periodo tra l’Illuminismo e l’industrializzazione …

… in 242 volumi nella Oberlausitzischen Bibliothek der Wissenschaften (© Ralf Roletschek)

Un Tariffa doganale tedesco del’anno 1834
r

IMPORTANTE

Il bisso marino era ben nota nell’antichità, ma non è mai stata chiamata bisso. “From these filaments, textiles can be obtained, they are mentioned in Greek texts from the 2nd cent. AD; … but they are never called byssus.” (Pelliot 1959), (in italiano: Da questi filamenti si possono ricavare dei tessuti, che sono menzionati in testi greci del II secolo d.C.; … ma non sono mai chiamati bisso.) A tutt’oggi non è noto un solo testo classico che associ il termine byssus in latino o βύσσσος in greco ad un tessile fatto di un prodotto marino.

Innumerevoli nomi tessili antichi e medievali sono stati associati al bisso marino. Alcune sono state scartate, per esempio cloth of gold (panno d’oro). Altri possono – con qualche certezza – essere confermati.